Pensieri

Nel campo di Dio forza e debolezza sono chiavi per entrare nella sua logica. Quando sono debole posso diventare forte, quando sono forte posso rimanere semplice. Mai prepotente!

 

 

 


Ogni volta una piccola o grande responsabilità. Posso girarmi dall'altra parte o farmi interpellare. Ogni volta...
 

 

 


 


Il limite è il senso di Dio in me. Quando mi sento limitato lascio a Lui lo spazio per operare...


Signore, stamattina vorrei farti una sorpresa: dirti che voglio diventare più buono, più disponibile. Te l’ho detto tante volte da non poterle contare, poi il male ha fatto la sua parte e io ci sono stato. Stavolta vorrei che fosse la volta buona. Tu leggi nel cuore e sai che lo vorrei davvero. Mi piacerebbe dire: buono una volta per sempre. Ma non sono così presuntuoso. Aiutami tu.


Quando trovo un amico triste mi metto nei suoi panni e lo incoraggio, molto spesso con il silenzio, con un sorriso tenue...
 

 

 


 


Quando un problema è fasciato dall'amore, dalla compassione e dallo stupore, continua a far soffrire, ma non diventa mai una tragedia...


Il bene per essere bene
non bisogna accoglierlo
bisogna prima di tutto accettarlo
poi il bene farà la sua strada.


Benedetto sia il giorno che ho capito che l’io doveva diventare noi. Benedetto quel giorno perché ho trovato un tesoro inestimabile, la fedeltà degli amici. Benedetto quel giorno se si ripete ogni giorno, perché sarà benedizione su ogni giorno di vita.


A volte il dolore si accanisce: una morte atroce, un figlio che perde il senno. Chi resta, spesso si fa tante domande, ma non trova risposta. C'è poi chi non chiede più il perché, ma affronta il male a mani nude. I giusti.


Ieri sera ho parlato alla mia gente, nel posto dove sono nato e ho passato l’infanzia. Li ho lasciati da bambino, li ritrovo in una bella età. Non ho parlato io: ha parlato l’emozione, la fatica di dire, il mio silenzio. Lui, il silenzio, ha pronunciato parole di speranza, con le lacrime di una gioia infinita. Un ricordo indelebile, questo 8 novembre 2019, non credo solo per me. Forse è stato un giorno del tempo che è piaciuto a chi mi guardava dall’alto: perché ha visto che il bambino che ero, non era cresciuto. Era rimasto piccolo. Piccolo vorrei restare.


Pazienza virtù dei forti, dice il proverbio. Una madre è paziente, un amico vero è paziente. Ma non c'entra la forza. La pazienza è questione di umanità.

 

 


 


Quando penso al cuore di Dio vedo oceani senza fine, vette meravigliose. Sento che questo cuore mi guarda come figlio, con un pensiero dolce tutto per me.


L'uomo non può mai vivere di rendita. Vive una lotta interiore continua che può affrontare solo se scopre ironia e pazienza.


 

 

 

 


Quando nasciamo sappiamo solo piangere. Solo la vita e l'amore plasmano, sono capaci di tirare fuori lentamente nuove sfumature, doni e virtù...

 

 


 


Mai credersi importanti, anche quando compiamo cose importanti. Il merito non è nostro, ma delle circostanze, degli amici che credono in noi, di chi ci dà fiducia. Mai credersi importanti...


 

 

 


Avere pietà di noi, anche delle nostre debolezze. Farsi coraggio a vicenda, non giudicare e non giudicarsi. Ecco un nuovo inizio!

 



 

 


Il tempo che bussa alla tua vita è la chiave di ogni cambiamento...


Non è alzando la voce che si diventa autorevoli. Non è uno sguardo severo che fa crescere. Si cresce restando lievi, nel silenzio...


Nella notte improvvisamente qualcuno mi chiama. Ernesto, mi dai la parola di pace? Certo, amico, sono qui con te. Con te per capire che anche nel cuore della notte l’Amico è pronto a stare con te e capire le tue pene. Anche nel cuore della notte. Proprio nel cuore della notte, che amplifica ogni dolore.


Sono inquieto quando penso al male senza scrupoli, capace di uccidere, di ingannare e restare impunito. Possibile? Al tempo stesso sono testimone di un pugno di persone che senza un euro in tasca, senza guadagnare, senza imbrogliare ha fatto e continua a fare cose impossibili. Possibile.


La vita diventa vera quando scopre di essere ETERNITÀ che continua!


Se tornassi indietro cosa faresti? E’ una domanda che a volte mi fanno, ma tutti ce la facciamo. Con decisione direi: Farei le stesse cose. Certo, se potessi fare qualche sbaglio in meno, non mi dispiacerebbe. Ma se penso a quante cose ho imparato dagli sbagli, allora no, sono grato anche di quelli. Se sono riuscito a superare tanti momenti difficili, allora il male non mi ha piegato. Se ho fatto qualcosa di buono, allora il bene non mi ha accecato. Se tornassi indietro e potessi ripercorrere la mia via, direi come ho detto fin da piccolo: Eccomi, sono a tua disposizione.


Fare il proprio dovere sempre, senza sosta...
Accorgersi di un amico che soffre...
Non addormentarsi senza aver chiesto scusa se ho offeso...
Condividere il proprio tempo e risorse con chi non ne ha...
Questa è santità!


La vita è un viaggio racchiuso nell'attimo che ho davanti. Un viaggio di tanti attimi che non incontrano mai la parola fine...


Il sì non ha paura di diventare come Dio l’ha pensato.


La vita va avanti non per emozioni, non secondo gioie o dolori. La vita va avanti se la fede non si arrende, se il mio desiderio diventa forza...


La noia non esiste se in ogni istante scelgo di ricominciare. È questo che tiene lontani la vecchiaia, il rancore...

 

 

 

 


Tornare bambini, mettersi nei panni degli altri: ecco la semplicità...


Quando trovo un amico di cui mi fido, chiudo gli occhi e mi faccio guidare, convinto che non mi farà mai cadere. Se tratto Dio come un amico, è fatta...

 

 


Il sapere dovrebbe essere patrimonio dell’umanità, dovrebbe essere al servizio di tutti gli uomini, specialmente dei più poveri, dei senza-sapere. Dovrebbe essere offerto con generosità e pazienza, perchè tutti possano nutrirsi della bellezza che è uscita dall’intelligenza e dal talento delle persone, lungo i secoli. Se il sapere resta chiuso dietro la porta di quelli che già sanno, l’umanità si condanna da sola. L’ignoranza si trasforma in un boomerang che uccide.


Ognuno di noi ha una spina, ma ognuno di noi ha anche una coscienza e un desiderio. Dio è vicino a tutti e lentamente in modo umano ci dice: "Tu sei mio figlio prediletto, non temere!"...


Davanti a tante domande spesso la risposta è lavarsi le mani. Vorrei non essermele mai lavate. Se l’ho fatto, dammi un’altra possibilità.


Se la lasci sola, la paura ti prende e ti rovina. Se la fasci di determinazione e preghiera, anche quando vacilli, lei lascia spazio alla speranza...


Penso a Gesù che si immedesima nel carcerato, nell’ammalato, nello scartato, nello straniero, nel povero, nel senza niente. Mi viene da piangere. Se non mi do da fare, la mia emozione è la mia condanna.


Per l’ennesima volta, ieri ho finito la Bibbia e ora ricomincio da capo la lettura. All’improvviso ho pensato: ma ho la Bibbia di Maria!
Ora ricomincerò a leggere la Bibbia su quella di Maria. Mi sono rallegrato: che bello! Stavolta leggerò la Bibbia sfogliando le pagine che lei ha sfogliato, e avrò i suoi occhi su di me, anzi lei stessa leggerà con me. Saremo insieme, leggeremo insieme. Mi fa piangere questo pensiero: con questa nuova lettura, la nostra storia avrà un nuovo inizio. Anche piangere è un essere insieme, anche le lacrime sono una benedizione sul nostro amore che continua a vivere.


L'armonia è un vento leggero che ti entra dentro e ti fa vedere ogni cosa nella calma, nell'altruismo, nel disinteresse. Nell'armonia la competizione non esiste...


Fiducia chiama fiducia. Risultato: un’amicizia sicura.


Cos’è la fatica? La vita è fatica. Per questo è benedetta.


Il bene comune è ricerca. Lo scopri quando consideri l'altro più importante di te, tuo possibile maestro e decidi di non tradirlo mai...


L’inutilità, non c’è niente di inutile basta cercarne la ragione, una ragione c’è sempre.


Sacrificio. Se ne vale la pena non è sacrificio, ne vale sempre la pena.


Lo sguardo ti racconta.


Quando la scelta di lottare sembra inutile, faccio silenzio e rientro in me stesso. Ecco che il ricordo di un amico si fa parola, si fa incoraggiamento. E la vita da quel momento torna ad essere vita...




 


Il mondo comunica con la forza, con la violenza, con bugie e inganni. "Beati i miti..." mi aiuta a cercare e trovare un'altra strada...





 


Se prima di parlare mi affido al silenzio, le mie parole avranno il profumo della saggezza...





 


Una terra può diventare amica anche se non la conosci. È possibile se rispetti tutto quello che incontri, se non inganni nessuno, se vivi la commozione, se accogli ogni lacrima senza giudizi. Ecco così che i tuoi piedi calpesteranno una terra sconosciuta che si svelerà come tua strada...


La comunione si costruisce con la preghiera, con il silenzio, con la fiducia, con il rischio della gratuità, con la lotta costante contro l'impossibile. Mai per mettersi al centro. Solo per amore...


La sfiducia è il modo subdolo che il male usa per dividere e scoraggiare. La luce tra noi deve essere talmente forte da annullare il buio...


L'amicizia fa diventare due, uno: due personalità che si stimano e fanno della stima un'apertura verso l'infinito...

 


 

 

 


Se non ci fossi Tu a rassicurarmi, la mia fragilità incontrerebbe abbandono. Solo Tu la fai diventare forza!

 

 


 


"Eccomi!" è la parola più sacra che Dio concede...


La gratuità è la chiave dell'amore impastata di altruismo...


L'umore crea confusione, ti consiglia di amare chi ti conviene, di allearti con chi ti dà ragione. Mai confonderlo con l'amore...


Puoi scalare qualunque montagna, puoi affrontare qualunque problema, ma vivi la costanza, l'umiltà, la determinazione. Non mollare mai!


La fatica può farti scoprire la responsabilità, la fedeltà, l'amicizia. L'altro che hai davanti ti fa scoprire l'amore...


Pace oggi è una parola. Diamole un'anima: il nostro esempio...


"Prima gli altri, poi noi". Questa è la strada! Anche quando sono senza forza, anche quando non lo desidero...


L’occasione fa scoprire chi siamo. Quando si è ammalata Maria, il mio amore per sempre, ho pianto. Lei mi ha invitato a non farlo, ma io piangevo. L’ho amata ogni momento senza distrarmi mai. Accanto a lei sempre qualcuno: un figlio, un nipote, un amico. Preghiere intorno al suo letto. Mai l'ombra della paura. Così Maria nell'amore ha cambiato casa. Penso a quelli che cambiano casa nella solitudine, disperati. Nella Casa nuova anche loro saranno accolti dall'amore.


Nella confusione, fermati! Cerca un amico a cui aprire il cuore. L'amico, quello vero, che non ha interessi su di te, ti incoraggerà, magari con un sorriso, con il silenzio.


Il male funziona 24 ore su 24, usa ogni mezzo per esprimersi. Tuttavia, il male sa che non potrà mai diventare bene. Non riuscirà mai a soffocare la luce, anche se piccola. Ma quella luce deve rimanere testarda, fedele, di Dio.


Il tempo mi ha costruito e modificato. Mi ha fatto incontrare mille doni, migliaia di persone. Da tutti ho imparato. Il passato mi ha fatto diventare prudente, deciso, paziente. Il passato mi ha insegnato che il male è male, ma il bene può vincere sempre.


Non ho paura del futuro. Il futuro è desiderio, è speranza, avvolta spesso di lacrime, di dubbi...

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli

Ok