Università del Dialogo

ALBERTO DAL POZ, presidente Federmeccanica
ROBERTO BENAGLIA, segretario generale Fim Cisl

ospiti dell’Università del Dialogo

giovedì 22 aprile ore 20.45

 

Saranno le trasformazioni nel mondo del lavoro al centro del prossimo appuntamento dell’Università del Dialogo del Sermig di Torino, in programma giovedì 22 aprile alle 20,45, via streaming. Un confronto a tutto campo tra i giovani dell’Arsenale della Pace e Alberto Dal Poz, presidente di Federmeccanica e Roberto Benaglia, segretario generale Fim Cisl. Un industriale e un sindacalista visti non come delle controparti, ma come osservatori autorevoli dei cambiamenti in atto. L’automazione dei processi produttivi, la rivoluzione digitale, l’intelligenza artificiale, la richiesta di nuove competenze non sono concetti astratti, ma aspetti che già incidono e che saranno determinanti nel futuro. Una trasformazione radicale fatta di luci e ombre che deve essere conosciuta, gestita e guidata.

Alberto Dal Poz è nato nel 1972 a Torino. Ancora studente, nel 1995 ha fondato la CO.MEC. S.p.A., specializzata nella componentistica meccanica di precisione in lamiera stampata per l’industria Automotive. Dal 2017 è presidente nazionale di Federmeccanica.
Roberto Benaglia ha 59 anni e abita in provincia di Bergamo. La sua esperienza sindacale parte da giovanissimo con diversi incarichi territoriali e nazionali a partire dai primi anni ’80. È segretario generale della Fim Cisl dal 13 luglio del 2020.
Dal Poz e Benaglia sono tra gli artefici del nuovo contratto dei metalmeccanici sottoscritto quest’anno.

L’Università del Dialogo è lo spazio di formazione permanente promosso dal Sermig, la realtà di pace e solidarietà nata nel 1964 da un’intuizione di Ernesto Olivero. Obiettivo: riflettere sui problemi del nostro tempo in una prospettiva di speranza. Inaugurata in Vaticano il 31 gennaio del 2004 da papa Giovanni Paolo II, negli ultimi anni l’Università del Dialogo ha accolto testimoni di ogni orientamento, della cultura e dei media, dell’economia e della politica, della solidarietà e dell’arte. Adulti con responsabilità particolari disposti a confrontarsi con i giovani, realizzando anche in campo culturale quell’incontro tra generazioni che il Sermig considera indispensabile per cambiare il mondo.

Il tema scelto per la sessione 2020/2021 è “Il mondo che verrà”.



STAFFAN DE MISTURA AL SERMIG

ospite dell’Università del Dialogo

mercoledì 17 marzo ore 20.45

 

La pandemia come cambia le relazioni internazionali? Che spazi possono aprirsi per una ricomposizione dei conflitti? Cosa significa concretamente impegnarsi per la pace? Sono alcune delle domande al centro del prossimo incontro dell’Università del Dialogo del Sermig che vedrà come ospite, in collegamento video, l’ambasciatore Staffan De Mistura.
 
Causa Covid, l’incontro sul tema "Facciamo la pace" si svolgerà on line e sarà trasmesso su tutti i canali social del Sermig e sul sito www.sermig.org/diretta
 L’appuntamento è per mercoledì 17 marzo, a partire dalle ore 20,45.

Staffan de Mistura è un diplomatico di lungo corso. È stato rappresentante speciale delle Nazioni Unite per l'Iraq dal 2007 al 2009, rappresentante speciale per l'Afghanistan nel 2010 e inviato speciale per la Siria dal 2014 al 2018. Dal 2011 al 2013 ha ricoperto cariche politiche nel governo Monti presso il Ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, sia come sottosegretario di Stato che come viceministro. Oltre a italiano e svedese, sue lingue madri, parla correntemente inglese, francese, tedesco, spagnolo e arabo.

L’Università del Dialogo è lo spazio di formazione permanente promosso dal Sermig, la realtà di pace e solidarietà nata nel 1964 da un’intuizione di Ernesto Olivero. Obiettivo: riflettere sui problemi del nostro tempo in una prospettiva di speranza. Inaugurata in Vaticano il 31 gennaio del 2004 da papa Giovanni Paolo II, negli ultimi anni l’Università del Dialogo ha accolto testimoni di ogni orientamento, della cultura e dei media, dell’economia e della politica, della solidarietà e dell’arte. Adulti con responsabilità particolari disposti a confrontarsi con i giovani, realizzando anche in campo culturale quell’incontro tra generazioni che il Sermig considera indispensabile per cambiare il mondo.

Il tema scelto per la sessione 2020/2021 è “Il mondo che verrà”.



GIANPIERO DALLA ZUANNA AL SERMIG

ospiti dell’Università del Dialogo

martedì 16 febbraio ore 18.45

 

Appena 400mila nuovi nati nel 2020 in Italia, il dato peggiore in oltre 150 anni di unità nazionale: uno stato di cose che rischia di pregiudicare il futuro del nostro Paese da un punto di vista economico e sociale. Partirà da qui il prossimo incontro dell’Università del Dialogo del Sermig. Un confronto a tutto campo con il demografo Gianpiero Dalla Zuanna, in dialogo con i giovani dell’Arsenale della Pace di Torino sul tema "Una nuova vita".

Causa Covid, l’incontro si svolgerà on line e sarà trasmesso su tutti i canali social del Sermig e sul sito www.sermig.org/diretta Giampiero Dalla Zuanna sarà presente in collegamento video.
L’appuntamento è per martedì 16 febbraio, a partire dalle ore 18.45

Gianpiero Dalla Zuanna è professore di Demografia all’Università di Padova. Da molti anni studia il sistema demografico europeo e italiano, con particolare attenzione all’analisi dei mutamenti familiari e delle seconde generazioni di immigrati.

L’Università del Dialogo è lo spazio di formazione permanente promosso dal Sermig, la realtà di pace e solidarietà nata nel 1964 da un’intuizione di Ernesto Olivero. Obiettivo: riflettere sui problemi del nostro tempo in una prospettiva di speranza. Inaugurata in Vaticano il 31 gennaio del 2004 da papa Giovanni Paolo II, negli ultimi anni l’Università del Dialogo ha accolto testimoni di ogni orientamento, della cultura e dei media, dell’economia e della politica, della solidarietà e dell’arte. Adulti con responsabilità particolari disposti a confrontarsi con i giovani, realizzando anche in campo culturale quell’incontro tra generazioni che il Sermig considera indispensabile per cambiare il mondo.

Il tema scelto per la sessione 2020/2021 è “Il mondo che verrà”.



SILVANO PETROSINO AL SERMIG

ospite dell’Università del Dialogo

martedì 26 gennaio ore 18.45

  

“Dovremmo essere più seri nel vivere il tempo, che non è mai solo il nostro tempo, il tempo delle nostre urgenze private”. Partirà da questa premessa il dialogo del filosofo Silvano Petrosino con i giovani dell’Arsenale della Pace del Sermig di Torino. Un confronto a tutto campo che muoverà i passi dal libro di Petrosino “Lo scandalo dell’imprevedibile. Pensare l’epidemia”. Una riflessione di speranza perché, scrive l’autore citando La peste di Camus, la chiave è “restare, accettare lo scandalo, cominciare a camminare nelle tenebre e tentare di fare il bene”.
 

Causa Covid, l’incontro si svolgerà on line e sarà trasmesso su tutti i canali social del Sermig e sul sito www.sermig.org/diretta Silvano Petrosino sarà presente in collegamento video.
 

L’appuntamento è per martedì 26 gennaio, a partire dalle ore 18.45
 

Silvano Petrosino, filosofo internazionalmente noto per i suoi studi sul pensiero di Lévinas e Derrida, è professore ordinario presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, dove insegna Teorie della Comunicazione e Antropologia religiosa e media.
 

L’Università del Dialogo è lo spazio di formazione permanente promosso dal Sermig, la realtà di pace e solidarietà nata nel 1964 da un’intuizione di Ernesto Olivero. Obiettivo: riflettere sui problemi del nostro tempo in una prospettiva di speranza. Inaugurata in Vaticano il 31 gennaio del 2004 da papa Giovanni Paolo II, negli ultimi anni l’Università del Dialogo ha accolto testimoni di ogni orientamento, della cultura e dei media, dell’economia e della politica, della solidarietà e dell’arte. Adulti con responsabilità particolari disposti a confrontarsi con i giovani, realizzando anche in campo culturale quell’incontro tra generazioni che il Sermig considera indispensabile per cambiare il mondo.

Il tema scelto per la sessione 2020/2021 è “Il mondo che verrà”.



DAVID SASSOLI AL SERMIG
Il presidente del Parlamento europeo

ospite dell’Università del Dialogo
martedì 15 dicembre ore 17



L’Europa come risposta all’incertezza di questi mesi, le prospettive del dopo Covid, il ruolo dell’Italia, l’impegno delle nuove generazioni. Sarà un confronto a tutto campo quello tra i giovani dell’Arsenale della Pace di Torino e il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, ospite dell’Università del Dialogo del Sermig.

Causa Covid, l’incontro si svolgerà on line e sarà trasmesso su tutti i canali social del Sermig. Il presidente Sassoli interverrà in collegamento video.

L’appuntamento è per martedì 15 dicembre, a partire dalle ore 17.

L’Università del Dialogo è lo spazio di formazione permanente promosso dal Sermig, la realtà di pace e solidarietà nata nel 1964 da un’intuizione di Ernesto Olivero. Obiettivo: riflettere sui problemi del nostro tempo in una prospettiva di speranza. Inaugurata in Vaticano il 31 gennaio del 2004 da papa Giovanni Paolo II, negli ultimi anni l’Università del Dialogo ha accolto testimoni di ogni orientamento, della cultura e dei media, dell’economia e della politica, della solidarietà e dell’arte. Adulti con responsabilità particolari disposti a confrontarsi con i giovani, realizzando anche in campo culturale quell’incontro tra generazioni che il Sermig considera indispensabile per cambiare il mondo.

Il tema scelto per la sessione 2020/2021 è “Il mondo che verrà”.

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli

Ok