Sostieni l'Arsenale della Pace

AGGIORNAMENTO CORONAVIRUS

Chiusi insieme con chi ha bisogno
Aperti a chi ha bisogno
... Ma c'è bisogno del vostro aiuto

 

     

     



TG2 dall'Arsenale della Pace - 14/4/2020                                        TGR Piemonte dall'Arsenale della Pace - 2/4/2020
     

In questo tempo di quarantena, subito ci siamo detti che non potevamo chiudere la casa a donne e uomini che non hanno dove vivere: donne maltrattate, mamme con bambini, giovani scappati dalla guerra, uomini senza casa, anziani che si sono affidati a noi e non hanno altra famiglia che questa. Abbiamo scelto di tenere aperte tutte queste accoglienze. Gli ospiti, circa 200, rimangono in casa 24 ore su 24, sono divisi in piccoli gruppi e durante la giornata svolgono diverse attività. Tra gli accolti ci sono anche alcuni bambini in cura oncologica provenienti da altri Paesi con le proprie famiglie: la loro situazione di particolare fragilità li obbliga ad un isolamento completo presso l’Arsenale dell’Armonia, a Pecetto Torinese. Tutti gli spazi dell’Arsenale sono soggetti a severe misure di sicurezza:  presidi sanitari (mascherine, disinfettanti, termometri per la temperatura…), attenzione all’igiene e sanificazione degli spazi. Un impegno gravoso sia dal punto di vista umano che economico.


Accanto all’accoglienza diretta, l’Arsenale si è attivato per stare accanto a chi si trova in una situazione di difficoltà:

>>   Distribuzione di generi di prima necessità alle famiglie del quartiere Aurora, Borgo Dora e Porta Palazzo, che si trovano nella Circoscrizione 7 del Comune di Torino che non riescono a acquistare beni alimentari presso i supermercati, a causa di una situazione economica di grande fragilità. Il servizio è una risposta alle tante richieste di aiuto ricevute al nostro centralino. Il bisogno di generi di prima necessità è grande: tante sono le risorse spese per questa attività.

>>   Visite mediche per soggetti vulnerabili, possibili grazie a medici che restituiscono gratuitamente le proprie competenze presso il nostro Poliambulatorio.

>>   Videochiamate di sostegno scolastico e di vicinanza con i bambini di “Felicizia” dell’Arsenale della Piazza, 22 nazionalità diverse, provenienti da famiglie delle fasce più deboli della popolazione di Porta Palazzo.

>>   “Piazza Giovani”. Una diretta “social” per stare vicino ai giovani delle zone più colpite in Italia (Bergamo, Padova, Modena, ecc). Uno spazio dove poter interagire e condividere le proprie paure e speranze, con la partecipazione di testimoni e ospiti significativi. Tra questi, Anna Ascani, viceministro dell’Istruzione; Max Laudadio, conduttore televisivo; Simona Atzori, ballerina; Giorgia Benusiglio, testimonial antidroga; Giorgio Gori, Sindaco di Bergamo e tanti altri.

Perché il nostro operato possa continuare, abbiamo bisogno del tuo aiuto, oggi più che mai. Il tuo sostegno ci permetterà di garantire i pasti, le notti di ospitalità, le cure mediche, i presidi sanitari di sicurezza per chi non ha un posto dove stare o non ha accesso ai beni di prima necessità.
Perché, anche oggi, rimanga accesa la speranza.


Sostieni le accoglienze dell'Arsenale della Pace:
c/c intestato Associazione CENTRO COME NOI S. PERTINI - ORGANIZZAZIONE SERMIG DI VOLONTARIATO
IBAN IT42 X03069 09606 100000003763  oppure  IBAN IT66 D02008 01046 000101039523

Causale "Emergenza Covid-19"
Offerta deducibile o detraibile

 Carta di credito o Paypal                                       Facebook                                               Satispay


Gli Arsenali al tempo del Coronavirus


La speranza che ci resta al fianco

C'è un principio che ho cercato sempre di vivere, quello dell'imprevisto accolto. È l'atteggiamento di chi davanti a un problema prova a capire, cercare, intuire un senso. Il coronavirus è un imprevisto molto grande, ci sta spiazzando, perché cambia le nostre abitudini, fa entrare la paura nelle ossa, ci nega addirittura il calore di un abbraccio. Penso al dolore delle vittime, a chi purtroppo è morto lontano dai propri cari. Penso alle loro famiglie, al trauma che stanno vivendo. Ma vedo anche i volti di chi sta lottando: medici, scienziati, infermieri, personale sanitario, centinaia e centinaia di volontari che continuano ad essere vicini soprattutto ai più fragili. Per quanto ci riguarda, abbiamo deciso di tenere aperte le nostre accoglienze. Abbiamo chiuso tutte le altre attività, ma quelle no. I poveri devono continuare a trovare nell'Arsenale della Pace un riparo. Se li mandassimo via, forse saremmo più al sicuro, ma loro no.

In momenti come questo è difficile intuire il senso e forse non è nemmeno giusto chiederselo. Quello che ha valore è prima di ogni cosa la speranza che possiamo vivere e suscitare negli altri e in noi stessi. La speranza è concretissima. In questi giorni la vedo soprattutto in tre parole: preghiera, scienza e responsabilità. La preghiera per chi crede è un atto di fiducia e affidamento a Dio, il motore che ti aiuta e ti fa vedere in ogni problema opportunità sempre nuove.

Anche la scienza è speranza all'opera, l'intelletto dell'uomo che non smette di cercare una risposta ai problemi anche più insidiosi. Infine, la responsabilità, l'impegno che passa dai comportamenti di tutti. L'isolamento che ci viene chiesto sicuramente è un sacrificio, ma dobbiamo vederlo come il contributo che ognuno di noi può dare alla costruzione del bene comune. La responsabilità coinvolge poi la politica, che in questo tempo si è ritrovata ad assumere decisioni mai prese nella storia della Repubblica. Immagino che non sia stato semplice. Questo passaggio così delicato forse aiuterà anche le istituzioni a entrare in una mentalità diversa, quella che mi hanno fatto scoprire due miei amici impegnati ad altissimi livelli. Con il loro esempio, mi hanno insegnato che la politica è il più alto impegno per l'umanità, secondo solo alla contemplazione.

Preghiera, scienza, responsabilità: ecco la speranza alla nostra portata, la speranza che senza proclami possiamo vivere adesso, la speranza che ad emergenza finita continuerà a rimanere con noi, a farci compagnia.

Ernesto Olivero


Servizio TGR - 14 aprile

interris.it

Il Sermig e il Covid, un sogno di giustizia più forte del virus

La pandemia vissuta nell'Arsenale della Pace: "Abbiamo fatto una scelta: quella di restare aperti, ora che c'era più bisogno di noi".
di Damiano Mattana - 11 maggio


lastampa.it

Torino, il regalo degli Alpini al Sermig

Sono stati donati circa 10 quintali di riso.
di Irene Famà - 8 maggio


futura.news

La famiglia per chi non ha una famiglia: il Sermig al tempo del Coronavirus

Questa situazione di grande difficoltà ci insegna una cosa fondamentale – spiega Daniele Ballarin, membro dal 2004 dell’Arsenale della Pace di Torino sede principale del Sermig – Ciò che davvero conta,...
di Riccardo Liguori - 29 aprile


CORRIERE DELLA SERA - sabato 25 aprile 2020 - Intervista ad Ernesto Olivero

Spero che ora tutti capiscano il valore della competenza.

Ernesto Olivero non è uno che si scoraggia. Settantanove anni ben portati, ha fondato il Sermig a Torino oltre 50 anni fa. Da allora tutto è stato «un imprevisto», ma lui ha sempre guardato avanti. 
di Marco Castelnuovo - 25 aprile


zipnews.it

Emergenza Coronavirus, il Sermig in prima linea per i più bisognosi.

Noi abbiamo deciso che, con fatica ma con speranza, avremmo lasciato aperta la porta – dice Ernesto Olivero, fondatore del Sermig - Volevamo che queste persone avessero un approdo concreto in una casa concreta...
24 aprile


askanews.it

Coronavirus, il Sermig non chiude: accoglienza, cibo e medicine.

Ospitate 200 persone nell'Arsenale della Pace di Torino. Il Sermig, il Servizio Missionario Giovani, è un centro a Torino di accoglienza per donne e uomini che non hanno un tetto. E in tempo di coronavirus...
20 aprile


Arsenale della Pace - Torino - Gabriele Lo Bello GR1

Korazym.org

Sermig in prima linea per aiutare i più bisognosi durante il coronavirus

A Torino anche l’Arsenale della Pace, da inizio emergenza, sta ospitando circa 200 persone ma non si ferma, come dicono i volontari: “Stiamo ricevendo telefonate di famiglie e persone anziane sole che chiedono di avere del cibo…
di Simone Baroncia - 12 aprile


cronacaqui.it

«La politica s'interroghi. Perché serve generosità per evitare una rivolta»

Olivero: «Bisogna servire la gente e, non servirsene» E ricorda l'esempio di Don Bosco durante il colera.
di Marco Bardesono - 2 aprile


torino.corriere.it

Torino, clochard e furti dei sacco a pelo: «Coi negozi chiusi, poche coperte»

Il racconto dei senza tetto, alle prese con il freddo della notte: «È dura. Anche diverse associazioni di volontariato ci hanno detto che non ne hanno»
di Massimiliano Nerozzi - 1 aprile


torino.corriere.it 

Nell’Arsenale della Pace spazio a 200 persone vittime di disagio sociale.

Il Sermig apre le porte a donne maltrattate, mamme con bambini, giovani fuggiti dalla guerra e anziani soli.

di Chiara Sandrucci - 31 marzo


torinoggi.it 

Coronavirus, anche il Sermig è attivo nella distribuzione alimentare ai bisognosi.

L'Arsenale della Pace, da inizio emergenza, sta ospitando circa 200 persone ma non si ferma: “Stiamo ricevendo telefonate di famiglie e persone anziane sole che chiedono di avere del cibo”.

di Marco Berton - 31 marzo


nuovasocieta.it 

Emergenza Coronavirus, Sermig accoglie 200 senza tetto.

Il Sermig apre le porte a donne maltrattate, mamme con bambini, giovani fuggiti dalla guerra e anziani soli.

30 marzo


ecodallecitta.it 

Tabasso (Sermig): ‘Quello che abbiamo lo mettiamo in condivisione.
Questa è la filosofia dell’Arsenale’.

Continua la panoramica sulle attività di supporto alle fasce più bisognose della popolazione da parte di Eco dalle Città. Abbiamo contattato Rosanna Tabasso, vicepresidente di Sermig, per provare a capire l’operatività in questa fase dell'emergenza Coronavirus.

di Luigi Vendona - 24 marzo


Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli

Ok