Sermig

Progetto “India del Sud”

alt

Ricostruzione dopo lo “tsunami”

Paese: India
Partner: Congregazione delle Suore di Sant’Anna, Dalit Human Rights Centre, Diocesi di Chingle­put, Village Reconstruction Organisation (VRO)
Località: Tamil Nadu
Periodo: 2005 - 2012 e a continuare

Contesto: Il 26 dicembre 2004 è un giorno il cui ricordo resterà indelebile nella mente e nel cuore di milioni di persone dell’Asia - il giorno dello Tsunami, l’onda anomala la cui furia si è abbattuta con cieca violenza, in un disastro senza precedenti. Nell’India meridionale ha causato più di 10.000 vittime, 8.000 nello Stato del Tamil Nadu - 1100 km di coste, quello più gravemente colpito, in 13 dei suoi distretti. Famiglie si sono spezzate, bambini e anziani sono restati soli. Secondo dati governativi, la popolazione in qualche modo colpita è di quasi un milione di persone, più di 126.000 le abitazioni distrutte o danneggiate. Decine e decine di migliaia di persone sono rimaste senza casa, senza i pochi beni, barche e attrezzi per la pesca - nove decimi della popolazione colpita sono costituiti da pescatori - che giorno per giorno consentivano la vita. Anche zone agricole prossime alla costa sono state invase dall’acqua salmastra e per anni non potranno essere utilizzate. Uomini, donne, bambini, vite reali, i cui volti abbiamo potuto vedere in tante immagini.

Finalità: Gestita la fase immediata di crisi e di emergenza, grazie in particolare al contributo degli abitanti del luogo, si tratta ora di realizzare rapidamente interventi di recupero delle condizioni e degli stru­menti di vita. La “normalità” dell’esistenza nell’area è già una condizione precaria e sofferta, specie per i più poveri e negletti, e per le donne. Il recupero dalla devastazione dello Tsunami deve anche essere un passo verso l’emancipazione dei più poveri dalle condizioni e dalle situazioni che non permettono loro la dignità di persone

Realizzazioni:
- Accoglienza per orfani
- Ricostruzione case per famiglie
- Scuola per i bambini delle comunità costiere
- Ricostruzione villaggi
- Assistenza bambini, ragazzi e adolescenti
- Sperimentazione e promozione all’uso di strumenti semplici per la potabilizzazione dell’acqua per consumo umano

Erogazioni: Euro 651.400

Beneficiari: alcune migliaia di bambini e giovani della località interessata

SERMIG E TSUNAMI
 
Dalla tragedia, opportunità di vita

indiaSono trascorsi circa 2 anni e mezzo dallo Tsunami che nel Dicembre 2004 causò grandi lutti e devastazioni in molti luoghi dell’Asia Sudorientale. Scorre il tempo, secondo ritmi che solo entro un certo limite possono essere forzati, ma sempre avanzando di passo in passo, e con cadenza via via più sicura, verso gli obiettivi condivisi.

I villaggi prendono forma, e accanto a loro soprattutto le comunità. Sono in sé piccoli modelli di un lavoro complesso, difficile, ma molto importante e certo non impossibile. Una novità che reca il germe del cambiamento.
Soprattutto nella misura in cui promuove uno “spirito” nuovo, su cui costruire una reale unità delle famiglie delle comunità.

Un cantiere è completato, altri due sono aperti, nessuno è “chiuso”.

Come sempre, non intendiamo agire in un progetto come “ente finanziatore”, ma in un cammino congiunto, mettendo in comune esperienze umane, spirituali e tecniche.
Cerchiamo di farlo sempre meglio e in profondità. Per crescere assieme. Portare a concludere la realizzazione nel miglior modo possibile, ma anche a far germinare nuove idee, raccogliere nuove energie, e, se possibile, dar vita a nuove opportunità di avanzare insieme verso una umanità sempre più piena. “Loro e noi”.

Oltre a quanto già oggetto dei progetti, un aspetto sul quale si cercherà di sviluppare qualche esperienza pilota sarà un’azione sul problema della disponibilità di acqua sicura per il consumo umano. Questione la cui importanza si è ben delineata non solo nei villaggi del progetto, ma in quelli di tutta l’area.

Aperti a quant’altro la Provvidenza darà opportunità di pensare e di realizzare.

Riproponiamo qui un quadro di insieme dei progetti in corso di completamento, dalla loro struttura, al loro processo di realizzazione fino all’attuale avanzamento.
Affiancati da alcuni approfondimenti con i partners locali che offrono preziosi chiavi di lettura dei contesti in cui si inseriscono e dei significati delle azioni intraprese.

alt

 

alt

SCENARIO


Contesto di riferimento

Assetto politico-istituzionale

Bisogni rilevati



PROGETTI

1. Ricostruzione villaggi
Village Reconstruction Organisation


2. Programmi per il futuro di bambini e giovani
Village Reconstruction Organisation


3. Ricostruzione case e vita per famiglie Dalit
DHRC Dalit Human Rights Centre


4. Scuola per i bambini delle comunità costiere
Diocesi di Chingleput

5. Vita per gli orfani
Suore di Sant'Anna della Provvidenza




AVANZAMENTI

Ricostruzione villaggi
Madevipattinam:
Lettera da Madevipattinam 5.2.06
Aggiornamento 1.4.07

Ricostruzione case e vita per famiglie Dalit
Rajanagar:

Aggiornamento 10.8.06
Aggiornamento 1.4.07
Aggiornamento 12.10.07

Scuola per bambini delle comunità costiere
Chingleput:
Aggiornamento 10.8.06
Aggiornamento 21.1.07



APPROFONDIMENTI

Maremoto Sud-Est Asiatico

Sermig in India

Intervista a padre Windey
"India: energia della comunità"


Intervista a padre Lyma
"India: intoccabile!"


24.12.08: Resistere alle intimidazioni

Chi è Michael Anthony Windey?