Sermig

Dalle tue figlie

Il ricordo commosso delle "sue" ragazze


A Maria Teresa!

Abbiamo lasciato i nostri differenti paesi e siamo arrivate in Italia per cambiare la nostra vita e darle un senso. Le circostanze ci hanno portato a vivere nella grande famiglia del Sermig dove abbiamo incontrato una persona speciale: la sua apertura verso di noi ce l’ha subito fatta chiamare “mamma”. Eravamo tutte contente di avere trovato una nuova mamma che sapeva capirci e esserci vicino; anche quando ci sbagliavano, riusciva sempre a farci riconoscere il nostro sbaglio e a chiedere scusa quando ci voleva.

Mamma era una donna sempre disponibile, affettuosa, lavoratrice, servizievole, paziente e soprattutto sorridente.
Siamo tristi perché non la vedremo più, ma contenti perché prima di andare dal Padre ha avuto il tempo di sistemare le cose e lasciare le consegne a ciascuna di noi. Mi ricordo che m’ha fatto un regalo (la santa vergine Maria con suo figlio Gesù) e abbiamo fatto un accordo nel quale devo recitare il rosario ogni giorni, e lei per noi. Questo mi fa capire che sarà sempre dietro di me tutta la mia vita e mi aiuterà a camminare nella strada giusta.

Mamma aveva il sorriso che dava a tutte quante noi in modo particolare. Con questo sorriso voleva farci capire che anche noi abbiamo una cosa bella dentro e che se riusciamo a farla uscire farà del bene sia a noi che agli altri.
Ringraziamo il Signore di averci fatto conoscere questa donna bella di cuore. Nulla sarà più come quando lei era in vita, ma certamente possiamo ricevere il suo aiuto per fare uscire le cose belle dentro di noi che ci ha lasciate.

Ciao mamma, ti vogliamo ancora più bene per avere dato il tuo cuore per tutti.

Grazie tanto!

Marie Noelle e le tue figlie


 

Ciao mamma. Come stai? Noi stiamo bene, solo che ci manchi tanto, a tutti noi. Parenti e amici siamo tutti qui per te. Lo so che anche tu sei qui con noi.
Ti ricorderò per sempre. Addio Mamma Maria Teresa.

Pat


 

Nel nome di Gesù, nell’adorato nome di Gesù.
Padre del Cielo, io ti ringrazio proprio. Ti rendo lode e dolcezza. Oh, Signore, Tu solo sai perché è successo. La nostra dolce madre, Maria Teresa, la amo così tanto, mi manca!
Lei è una grande madre che io non dimenticherò mai. Lei era buona, gentile, onesta e simpatica.
Ero molto felice di conoscerla. Oh, amato Signore, prego che tu possa stare con lei, e proteggerla.
Oh, Signore, abbi pietà di lei e perdonale il peccato. Così da aprirle le porte del Paradiso, per camminarvi con lei per sempre e sempre.
Riposa in pace, dolce madre.
Amen
Blessing

Vedere la mamma è come vedere il sole.
Ogni volta che mi passa accanto il mio cuore e tutto il mio corpo si scaldano. Guardo lontano, spero nel futuro. Quando io non capivo qualcosa, lei, come una mamma, mi parlava dei principi della vita. Quando ero nervosa, lei, con pazienza e dolcezza, mi parlava e io capivo. Mi diceva: “Piano, piano, Yi Wei, parla piano e dimmi tutto”. La nostra lingua era diversa, ma ogni cosa che diceva la capivo bene, capivo tutto quello che diceva la mamma. La mamma parlava tutte le lingue.
Ogni volta che la vedevo camminare stanca, le dicevo, dentro di me, di fare attenzione alla sua salute.
Quando penso alla mamma e penso al futuro, vedo che andrà tutto bene, e non ho paura.
Il corpo della mamma è andato via, ma dalla mia mente e dal mio cuore lei non se n’è andata. Io Ho visto in lei come speravo di vedere me stessa. Sognavo che il mio cuore diventasse come il suo. Vedevo che lei aiutava sempre tutte le persone. Io pensavo di poter imparare da lei ad essere buona, ad offrire il cuore agli altri.
Oggi il suo corpo si è allontanato da noi, ma io la mattina, quando mi alzo, la vedo ancora davanti a noi, a me, che mi accarezza e mi augura: “Buon lavoro, buona scuola, se c’è qualcosa, telefona, ricordati della tua mamma”. Quando uscivo e qualcosa non andava bene, chiamavo la mamma e lei c’era, non era mai via, c’era sempre.
Yi Wei nel cuore pensa alla mamma. La pensa molto molto.
Pace mamma.

Tua figlia Yi Wei
Ciao mamma,
la prima volta che ti ho visto il mio cuore mi ha detto che eri una madre che mi voleva bene, qui io non avevo nessuno e ho trovato in te una mamma che mi ha ridato la vita, che mi ha cambiato la vita come nessuno dei miei parenti. Una mamma che mi ha dato coraggio come dice la Bibbia. Mamma mi ha mandato a scuola, al mio Paese nessuno mi ha mai mandata a scuola.
Anche per questo ho visto in lei una mamma dolce e carissima.
Prego Dio che se dovesse aver fatto qualcosa di male, Lui lo dimentichi per il bene che ha fatto a me e quando arriva le apra la Porta come ad un angelo.
Ringrazio anche la Fraternità del Sermig che mi vuole bene e a cui voglio bene. Tante cose sono cambiate nella mia vita da quando ho incontrato la Mamma e il Sermig.
Prima di andare in Giordania, mi ha detto che se noi preghiamo con lei, lei prega insieme a noi e che sarebbe tornata tra sei mesi. Ora è già tornata, non con il corpo, ma ora prega per me molto di più perché è in Cielo.
Dentro di me sento che mi manca, è come un grande vuoto, ma sento anche che lei è dentro di me e mi da coraggio perché è una donna forte e prego che Dio la prenda con Sè.
Ieri, quando l'abbiamo portata fuori dalla chiesa, ho sentito dei rumori in Cielo, ho guardato su e sono sicura che era Dio che le ha aperto la porta per farla entrare. Per questo io non piango più perché so che Dio l’ha presa con Sè.
Sono felice dentro perché ho conosciuto una donna buona come la mamma.

La tua bimba (così lei mi chiamava sempre)
Vivian


 

Ciao Mamma Maria Teresa,
all’età di 10 anni ho perso la mia mamma, ho pianto tanto, ero sola e disperata. Questa disperazione mi ha portata in Italia, ma anche qui ero sola e disperata.
Poi nel 2000 la Provvidenza mi ha portata a Torino e al Sermig. Qui ho subito incontrato il tuo sorriso radioso, ed immediatamente ti sei proposta come mia nuova mamma. Pur nelle difficoltà della vita, ho comunque avuto subito la certezza di aver trovato in te un riferimento ed un appiglio per consolarmi ed aiutarmi a ripartire.
Anche quando il lavoro mi ha portata via dal Sermig, ho sempre avuto il tuo affetto ed il tuo aiuto, proprio come una vera mamma fa con i suoi figli quando lasciano la casa.
Ancora, quando ti ho salutata prima della partenza per Amman, ero preoccupata di perderti, ma tu mi hai subito rassicurata “fra sei mesi torno, e comunque troverai sempre un riferimento in Mariella”. Purtroppo sei tornata subito, ma in una bara e la mia disperazione è stata ed è grande.
So che tu dal Paradiso mi continuerai a guidare, ma comunque è dura senza la tua presenza rassicurante.
Cercherò di pregarti ogni giorno, cercherò conforto nella grande famiglia del Sermig, da Ernesto (un secondo papà) a tutte le volontarie ed i volontari.
Grazie mamma Maria Teresa

Tua figlia Mary


 

Ciao cara mamma,
sono triste. Ogni volta che qualcuno pronuncia il nome Maria Teresa mi viene da piangere. Sono molto dispiaciuta perché lei è andata via così. Ora ti ringrazio per tutte le cose belle che hai fatto per me, per gli amici africani e in particolare per le persone nigeriane.
Grazie mamma. Mamma sarai sempre la mamma.

Precious

<< indietro