La regina Ester

Pubblicato il 22-09-2020

di Annamaria Delprete

Ester, piccola ebrea deportata da Ge­rusalemme sotto l’invasione di Nabu­codonosor. Orfana, adottata dal cugino Mardocheo con il quale vive a Susa, dove il re Assuero va a cercare moglie tra le ragazze del suo regno. Il re è col­pito da Ester «donna di presenza bellissima e di aspetto affascinan­te…(la) amò più di tutte le altre donne… le pose in testa la corona regale e la fece regina» (Ester 2,17). Inizia la “favola” della “cenerento­la” presto interrotta dalla perfidia del ministro Amàn che obbliga i sudditi ad inginocchiarsi dinanzi a lui. Mardocheo rifiuta perché “un giudeo” si genuflette solo da­vanti al suo Dio. Il ministro furio­so, convince il re ad emettere un editto per sterminare gli ebrei. È la fine del popolo. Viene chiamata in aiuto Ester, la regina che appa­re, illuminando la scena fosca di prepotenza e violenza. Ella dovrà informare il re del tradimento or­dito alle sue spalle a danno degli ebrei. Dopo una prima esitazione a causa dell’editto che proibisce a tutti di presentarsi al re senza es­sere chiamati, pena la morte, ella comprende di essere lo strumento del Signore per salvare il suo po­polo e obbedisce mentre si affida al braccio potente del Signore. Chiede a tutti i giudei di unirsi a lei nel digiuno e nella penitenza per tre giorni mentre il suo cuore si apre alla supplica verso il Dio dei suoi padri. È la drammatica preghiera di una donna percorsa contemporaneamente dall’ansia e dalla fiducia, dal timore e dal­la certezza del sostegno divino. È un inno alla potenza e all’amore misericordioso di Dio di cui tra­scrivo solo alcune battute: «Mio Signore, nostro re, tu sei l’unico! Vieni in aiuto a me che sono sola e che non ho altro soccorso se non te, perché un grande pericolo mi sovrasta… Ricordati… Salvaci Signore!».

Conclusa la preghiera, Ester si abbiglia con tutto il fasto del suo rango. Divenuta così splen­dente di bellezza, parte per la sua missione. Il suo viso era gioioso, pervaso d’amore mentre il suo cuore di donna umile e semplice, era stretto dalla paura. Eccola alla presenza del re, che la guardò in un accesso di collera; la regina si sentì svenire e poggiò la testa sull’ancella che l’accompagnava, ma Dio volse a dolcezza lo spiri­to del re che, fattosi ansioso balzò dal trono, la prese tra le braccia, sostenendola finché non si fu ri­presa e le promise di realizzare ogni suo desiderio. Ester interce­de per il suo popolo, mentre rive­la il piano perverso del ministro Amàn. Egli sarà impiccato pro­prio sul palo che aveva fatto pre­parare per Mardocheo e con lui sarà uccisa “tutta la gente armata di qualunque popolo e di qualun­que provincia” che avesse tentato di danneggiare il popolo ebreo. Il bene ha trionfato sul male, il “cattivo” è stato impiccato sull’al­bero preparato per il “buono”. Le sorti sono ribaltate: la verità ha trionfato sulla prepotenza che sembrava inespugnabile grazie ad Ester, modello di fede in Dio e di amore per il suo popolo.

Annamaria Delprete
NP giugno-luglio 2020

Questo sito utilizza i cookies. Continuando la navigazione acconsenti al loro impiego. Clicca qui per maggiori dettagli

Ok