Sermig

Concerto di fine anno accademico 2012-2013

La sera di venerdì scorso il Cortile del Maglio di piazza Borgo Dora ha ospitato il concerto di fine anno accademico 2012-2013 del Laboratorio del Suono del Sermig.
Una folla di bambini e ragazzi pian piano ha ‘invaso’ gli spazi di quell’angolo caratteristico dell’ex arsenale militare. I piccoli allievi e il numeroso pubblico si é radunato intorno all’enorme maglio, la pressa usata per la guerra che faceva tremare con la sua potenza tutta la zona del Balon. L’altra notte, invece, a ‘far tremare’ la struttura è stata la musica, magia che unisce e rende amici. Una riconversione insieme simbolica e concreta, per il vecchio quartiere e per la città: dal 1998 infatti il Laboratorio del Suono nato all’Arsenale della Pace propone corsi principali per qualsiasi strumento musicale e canto, con circa 200 allievi e 20 docenti, e servizi per gli addetti ai lavori (studio di registrazione, battitura ed editing di partiture…).

“Non siamo professionisti ma cerchiamo di operare in modo professionale”, sintetizza Mauro Tabasso, direttore artistico. Perché le cose bisogna farle bene, da pulire i gabinetti a parlare in pubblico: questo è lo stile dell’Arsenale della Pace e della Scuola. Il che significa non voler allevare dei campioni, ma aiutare a scoprire e sviluppare i propri talenti, in qualsiasi campo. Significa – ed è l’obiettivo del Sermig da 50 anni – mettere al primo posto la persona, uomo donna o bambino, con la sua individualità. Poi, possono anche nascere dei piccoli Wagner, Verdi, Rossini…

Il concerto ha spaziato dai corali di Bach al celeberrimo Mack the Knife di Bertolt Brecht e Kurt Weill, dalle ballate popolari irlandesi alle sonate di Mozart. Il Laboratorio del Suono Ensemble ha eseguito tre pezzi del cd “Mama2”. Ha concluso l’applauditissimo concerto l'Orchestra Giovanile del Laboratorio del Suono e il Coro dell'Arsenale della Pace diretti dal maestro Mauro Tabasso.


labsuono.it


View this photo set on Flickr foto: Gotico / NP


View this photo set on Flickr foto: G. De Franceschi / NP