Rebecca

di Annamaria Gobbato - La luce annulla il buio, ed ha il potere di cambiare il male in bene. È la storia di sempre, anche in Paesi martoriati dall’odio e dalla guerra, come il Paese dei Cedri.

La piccola Boutroussyeh (Pierina) Ar-Rayès nasce a fine ‘800 nel villaggio arabo di Himlaya. La vita è subito in salita; a sette anni perde la mamma Rafka (Rebecca), e ad undici viene mandata come domestica in Siria, a Damasco.

Rientrata a casa, trova il padre risposato e deciso a sistemare anche lei maritandola a forza. Ma Pierina non ne vuol sapere e appena possibile entra nel monastero di Nostra Signora della Liberazione a Bifka-ya presso le Figlie di Maria (Pierina appartiene ad una famiglia di cattolici maroniti). Pronunciati i voti con il nome religioso di Anissa (Agnese), prende ad insegnare religione nei villaggi cristiani. E là sulle montagne vive sulla sua pelle la persecuzione religiosa da parte degli abitanti musulmani e drusi. Scampa la vita, salvandone anche altre.

Accanto alla vita fisica, anche quella spirituale è piena di difficoltà: sente che la strada nelle Figlie di Maria non è la sua, e fidandosi di intuizioni e suggerimenti dall’Alto entra nel monastero di San Simeone ad Aitou. Non sarà più Pierina, ma Rafka come la mamma perduta. Il suo catechismo ormai è la sofferenza accettata e affidata al Signore.

Nel convento di Aitou trascorre ventisei anni prima di recarsi nel monastero di San Giuseppe a Grabta, dove diventa completamente cieca e paralizzata in seguito ad operazioni sbagliate. Non si arrende: «Ho ancora le mani che possono lavorare». E così fino alla fine, nel 1914.

La gente la chiamava già santa, vox populi che sarà confermata definitivamente da papa Giovanni Paolo II nel 2001.

Annamaria Gobbato
TERRA&CIELO
Rubrica di NUOVO PROGETTO

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

E' possibile modificare le opzioni tramite le impostazioni del Browser. Se vuoi saperne di più o negare il consenso clicca su informazioni.