Sermig

Frigorifero

di Fabio Arduini - Una lunga storia cominciata nel 1876 e un protagonista: Charles Tellier.
Il frigorifero è uno degli oggetti più indispensabili che usiamo. La rivoluzione che produsse fu chiara alle generazioni passate, ma poi subì un destino comune alle altre grandi rivoluzioni: quello di diventare invisibile pur continuando ad essere operativa. Come elettrodomestico, non ha una storia particolarmente lunga alle spalle: il primo modello ad avere un buon successo commerciale venne messo in vendita nel 1913.

La tecnologia che permise all'imprenditore di Chicago di costruirlo, però, era stata sviluppata lungo i decenni precedenti, grazie agli apporti di più inventori americani, tedeschi, inglesi e francesi. Una storia interessante è quella che ebbe per protagonista Charles Tellier, che fu pioniere delle macchine frigorifere e di quelle solari, e che si dedicò a una vita di inventore per dare alla gente maggiore sicurezza alimentare e accesso all'acqua. Accettò le sfide che gli venivano lanciate, ora per utilizzare le macchine del freddo a scopo medico e scientifico, ora per attrezzare le città di magazzini refrigerati.

Nel 1876 riuscì a trasportare una partita di carne via nave dall'Argentina alla Francia, mantenendola sotto zero per 105 giorni. La carne arrivò in buone condizioni e gli allevatori francesi non la presero bene. Fu chiaro che diventava possibile vendere alimenti deperibili anche molto lontano dal luogo di produzione. Si aprivano scenari davvero nuovi per l’umanità, nel bene e nel male, come nutrire popolazioni colpite da carestie, ma anche speculare su scala globale. La risposta a queste ambiguità è possibile per tutti, e consiste in una nuova rivoluzione che, in effetti, è potenzialmente realizzabile da quando esiste il frigo: avere a cuore non più un solo frigorifero, ma due o più, aperti a chi non lo possiede o non lo può riempire.

Fabio Arduini
PAROLE
Rubrica di NUOVO PROGETTO